Zucchero alto? Scopri come identificare se soffri di iperglicemia

Per le persone che vivono con il diabete, l’ iperglicemia o l’ iperglicemia è motivo di preoccupazione. Ciò si verifica quando il glucosio si accumula nel flusso sanguigno.

Il glucosio è uno zucchero semplice fondamentale, è la fonte di energia per il funzionamento degli organi. Ma perché funzioni, l’ insulina deve aprire le porte degli organi affinché il glucosio entri e faccia il suo lavoro.

Senza abbastanza insulina, il glucosio non entra negli organi e rimane fluttuante – e accumulandosi – nel flusso sanguigno. Questo è quando si verifica l’iperglicemia.

L’iperglicemia può portare al coma diabetico (chetoacidosi) e, a seconda della gravità e dei livelli di chetoni nel sangue, può anche finire con la morte di una persona.


Come lo identifico?

Si stima che i sintomi dell’iperglicemia inizino a farsi sentire quando viene superata la soglia di 180 o 200 milligrammi di glucosio per decilitro di sangue . Sono sintomi che compaiono lentamente e che anche nei casi di persone che convivono con il diabete da molti anni, potrebbero non provare nulla di diverso.

Asperger o autismo? Com'è il disturbo di Elon Musk


I sintomi a cui prestare attenzione in caso di possibile aumento della glicemia sono:

  • Vado a urinare frequentemente
  • Fatica
  • Molto assetato
  • Vista annebbiata
  • Male alla testa

Da fare?

Se sospetti già di avere l’iperglicemia, è meglio monitorare i livelli di zucchero con il test della puntura del dito .

Se hai mangiato un pasto ricco di carboidrati, fare esercizio e bere molta acqua in seguito può aiutare a ridurre il glucosio. Infine, a seconda della raccomandazione del medico, potrebbe essere utilizzata un’iniezione di insulina.

Questo articolo è concepito per essere informativo e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedi sempre al tuo medico o specialista se hai domande sulla tua salute o prima di iniziare il trattamento.