Questi sono i pericoli di mangiare un pane ai funghi

A seconda della lavorazione, degli ingredienti e dell’umidità del pane, possono comparire funghi, soprattutto nel pane a fette (a volte sono inevitabili). Normalmente puoi vederli rapidamente perché si formano come macchie verdastre o grigie e, a seconda del tipo di funghi, cambiano colore e forma.

I funghi provengono dalla stessa famiglia dei funghi, ma non sono la stessa cosa. Alcuni possono essere consumati e altri possono essere molto tossici. In generale, sul pane compaiono funghi come Mucor, Fusarium, Penicillum (che si trova nel formaggio Roquefort ) e Aspergillus.

È sicuro mangiare il pane?

Se hai mangiato per sbaglio il pane ai funghi, ok? Prima di tutto, ti renderai subito conto che qualcosa non va. Cambiano il gusto del cibo e tendono a sopraffare il gusto originale del cibo.

Per quanto riguarda la sicurezza alimentare, la verità è che non è raccomandata. In effetti, le organizzazioni sanitarie negli Stati Uniti e in Spagna raccomandano di non mangiarli mai. Alcuni di questi funghi producono micotossine, che sono sostanze tossiche che possono causare allergie, infezioni, problemi gastrointestinali, problemi ai reni e sono state anche collegate al cancro .

Osteoporosi: ecco la malattia silenziosa che può farti finire nell'ufficio del medico per una frattura


Sebbene non tutti i funghi possano causare questi problemi, il nostro occhio inesperto non è stato in grado di identificare quale fungo potrebbe essere mangiato e quale dovrebbe essere dimenticato.

E se tagliassi un po’?

La verità è che anche così, il pane non poteva essere salvato. A causa del modo in cui i funghi crescono e si diffondono, è molto probabile che un’intera borsa sia infetta, solo il cambiamento di colore, le macchie scure o i “peli” non sono stati visti.

Come lo evito?

Normalmente il pane a fette che viene venduto al supermercato include ingredienti come conservanti per evitare questi casi. Ma anche così potrebbero apparire. Ecco perché le raccomandazioni sono: conservarlo in un luogo asciutto e coperto o, in casi estremi, congelarlo.