Ovaie: quando devo preoccuparmi dei sintomi anormali?

Quando si tratta di tumori associati al sistema riproduttivo nelle donne, il cancro al seno è solitamente il primo a venire in mente. È quello con il maggior numero di diagnosi, ma tutte possono essere preoccupanti.

Il cancro ovarico non è il più diagnosticato, ma è critico. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), in Cile, durante il 2020, a 387 donne è stata diagnosticata la malattia e alla fine dell’anno si sono verificati 549 decessi associati a questo tumore.

Ecco perché la principale forma di cura è la rapida identificazione della malattia. “Con la consapevolezza di dare priorità alla salute delle donne, saremo in grado di prevenire molte diagnosi di questa malattia”, afferma Angela Piñeros, Business Manager for Oncology presso Siemens Healthineers.

Prima viene rilevato, migliore è la prognosi e le possibilità di trattamento. Ma si stima che solo il 20% dei casi venga diagnosticato in una fase precoce.


Quali sono gli esami?

Di solito può essere rilevato da test di imaging, principalmente ecografia transvaginale, o da esami del sangue che misurano i livelli della  proteina CA-125. 

La frutta che dovresti consumare per il tuo cervello e le tue ossa


Ecco perché si consiglia di effettuare annualmente visite di controllo ginecologiche, in modo che il medico indichi le prescrizioni per eseguire gli esami necessari. 

E i sintomi?

Di solito, i sintomi visibili o rilevabili nel corpo compaiono una volta che la malattia è più ramificata.

Anche così, ci sono casi di persone che potrebbero sentirli in precedenza, quindi dobbiamo stare attenti ai seguenti cambiamenti:

  • Gonfiore addominale
  • Sanguinamento vaginale insolito e perdite
  • Dolore o pressione nella zona pelvica
  • Cambiamenti nell’urgenza o nella frequenza della minzione

Di fronte a qualsiasi situazione anomala, la raccomandazione è di rivolgersi a uno specialista.

Questo articolo è concepito per essere informativo e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedi sempre al tuo medico o specialista se hai domande sulla tua salute o prima di iniziare il trattamento.