Non vai molto in bagno? I pericoli della stitichezza per la tua salute

Il transito lento è un fastidio comune delle persone nel mondo di oggi. È comune trovare integratori, alimenti, consigli e raccomandazioni per aiutare le persone che soffrono di questa condizione di disagio.

Ma il transito lento è una cosa e la stitichezza cronica è un’altra . Le persone che ne soffrono non vanno in bagno più di 3 volte a settimana, e quando lo fanno è con grande difficoltà e finiscono con la sensazione di non poter evacuare tutto.

Di solito sono gli anziani e le persone in gravidanza che affrontano più spesso questa diagnosi. Ma non è esclusivo per loro e può causare complicazioni scomode.

Emorroidi

Quando hai molte difficoltà ad andare in bagno e trascorri molto tempo seduto in bagno, le vene nell’ano possono infiammarsi, causando l’infiammazione del retto. Di solito le emorroidi causano prurito, gonfiore e possono anche sanguinare.

Per curarli si usano creme, supposte e antinfiammatori, ma il miglior consiglio è quello di curare la stitichezza cronica, in modo che non riappaiano tutti in una volta.

Quanto è pulito il tuo letto? 7 pezzi che dovresti lavare più spesso di quanto pensi


ragade anale

Ciò si verifica quando il tessuto dell’ano si rompe mentre si cerca di andare in bagno, questo può causare una fessura visibile o solo una piccola protuberanza sulla pelle, ma sono caratterizzati dal causare sanguinamento durante i movimenti intestinali.

Esistono trattamenti topici e iniettabili per questi problemi, ma la cosa più importante è non lasciarlo andare, perché potrebbe trasformarsi in una ragade cronica, che potrebbe portare a un intervento chirurgico.

prolasso anale

Questa è una possibilità a lungo termine per chi soffre di stitichezza cronica. Un prolasso anale si verifica quando una percentuale dell’intestino crasso “cade” dalla sua posizione originale e può persino sporgere dall’ano.

Per evitare ciò, dovresti essere vigile nel caso in cui ti senti come se il tuo intestino fosse pieno, se hai feci o muco che fuoriescono dall’ano o se vedi dei tessuti molli che sporgono .


Ritenzione fecale

Quando non si va più in bagno da molto tempo, succede che le feci si seccano nell’intestino e diventa quasi impossibile eliminarle. Nella maggior parte di questi casi si deve ricorrere a misure estreme come un clistere, estrazioni manuali o irrigazione di liquidi nell’intestino.

Artrite reumatoide, la malattia autoimmune che sfida Daniela Nicolás

Questo articolo è concepito per essere informativo e non intende fornire consigli o soluzioni mediche. Chiedi sempre al tuo medico o specialista se hai domande sulla tua salute o prima di iniziare il trattamento.