L’ex marine degli Stati Uniti ha ammesso che gli UFO “superano il nostro arsenale in mille anni”

Nel giugno di quest’anno, il Pentagono deve declassificare al Congresso degli Stati Uniti tutti i documenti e tutte le informazioni classificate sugli UFO, o come lo chiamano nell’organizzazione: fenomeni aerei non identificati (UAP, per l’acronimo in inglese).

Con la scadenza per il rilascio definitivo di queste informazioni, un pilota della Marina in pensione ha ammesso in un’intervista alla CNN di aver individuato oggetti volanti che superano la nostra tecnologia di “mille anni”.

Cosa è successo

Nel 2004  Sean Cahill prestava servizio come maestro d’armi a bordo della USS Princeton, quando avvistarono un oggetto volante non identificato che fu descritto dal militare in pensione come “tecnologia che supera il nostro arsenale di almeno cento-mille anni, al momento.” .

Infatti, Cahill dice che, se il pianeta avesse dovuto difendersi da questo oggetto, non avremmo avuto la capacità di affrontarlo.

Secondo il pilota in pensione, si trattava di un oggetto senza alcun elemento propulsivo riconoscibile. “Si muoveva a velocità ipersonica e precedeva i piloti al loro punto di incontro del Combat Air Patrol (CAP). Sembrava che sapessero in anticipo dove stavano andando i nostri piloti. Oggi non abbiamo queste capacità “, ha descritto Cahill.

Rivelano che la nave SpaceX era vicina alla collisione con un UFO

Durante l’intervista, l’ ex vice sottosegretario alla Difesa per l’intelligence, Christopher Mellon, ha messo in guardia sulla necessità di toccare questi temi, vista la ricorrenza di questi eventi. “Abbiamo avuto violazioni ricorrenti nel nostro spazio aereo (Stati Uniti) da parte di veicoli non identificati. Questo non è qualcosa di nuovo e ha accolto con favore il fatto che il Congresso stia iniziando a reagire “, ha aggiunto l’ex consigliere Geroge W. Bush.

Per ora, dobbiamo aspettare le informazioni fornite dal Pentagono il prossimo mese per sapere di cosa si tratta. Ma Cahill ha chiuso la sua intervista chiarendo che “non sappiamo cosa sia, ma è qui” .