Il dilemma della disinfezione: perché consigli di smettere di pulire la merce?

Questa settimana a La Segunda è stata pubblicata un’intervista al dottore in ingegneria José Luis Jiménez . L’accademico ha affermato che disinfettare le superfici “sarebbe inutile”  per evitare il contagio da Covid-19 . Allora perché continuiamo a disinfettare?

Le parole dell’ingegnere potrebbero essere considerate estreme, se si tiene conto che l’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) nelle sue indicazioni per evitare i contagi raccomanda di “evitare di toccare le superfici, soprattutto nei luoghi pubblici, poiché qualcuno con il Covid-19 potrebbe avere li ha toccati prima. Pulire periodicamente le superfici con normali disinfettanti”.

Perché l’ingegnere dice che la disinfezione è inutile?

Le nuove prove scientifiche dimostrerebbero che la principale via di infezione è attraverso l’aria. Jiménez lo descrive come la nuvola che emana ogni persona infetta. Per dirla graficamente, se volessimo liberarci di uno sbuffo di fumo da un fumatore, non puliremmo le cose intorno a lui, ma apriremmo una finestra o metteremmo un ventilatore.

 

Gli scienziati chiamano per promuovere la ventilazione degli spazi
Gli scienziati chiamano per promuovere la ventilazione degli spazi

 

Nei sulla pelle: fai attenzione a questi segnali di pericolo per andare dal dermatologo

Ma non è possibile parlare di assoluti, e sebbene le possibilità siano scarse, non si può escludere il contagio per superficie . Se una persona infetta starnutisce o tossisce tra le mani e poi tocca la maniglia di una porta, un’altra persona potrebbe essere infettata.

Sulla base delle nuove prove, le probabilità che ciò accada sono estremamente basse. Secondo uno studio della Tufts University di Medford, nel Massachusetts, si stima che il rischio di infezione dopo aver toccato una superficie infetta sia inferiore a 5 su 10.000.

Ciò che gli scienziati sperano è che gli sforzi vengano compiuti in azioni più efficaci ed evitare casi estremi come mettere la merce in quarantena o disinfettare tutti gli acquisti prima che entrino in casa.

Per questo Linsey Marr, ingegnere del Virginia Tech che ha partecipato a studi con conclusioni simili a quelle di José Luis Jiménez, ha una visione leggermente più conciliante.

Per lei le misure di cura dovrebbero privilegiare la ventilazione degli ambienti, l’uso della mascherina negli ambienti chiusi, il lavaggio costante delle mani e infine la disinfezione degli ambienti. “Se abbiamo già prestato attenzione all’aria e abbiamo tempo e risorse extra, allora sì, la pulizia delle superfici che vengono costantemente toccate potrebbe aiutare”, ha affermato l’ingegnere.

Sintomi del fegato grasso: una condizione silenziosa che può portare al cancro