Feng Shui e il significato degli specchi: Vedi quali non dovresti usare

Gli specchi giocano un ruolo fondamentale nelle nostre case, abbondano ovunque, per questo nel Feng Shui sono considerati uno strumento molto importante e significativo. Sapere dove non posizionarli è fondamentale per potenziare le energie positive a casa o al lavoro.

Per Liu Alejandra Telles, ingegnere e consulente professionale in Feng Shui, questi accessori giocano un ruolo moltiplicatore dell’immagine e, se è negativo o antiestetico, si moltiplicheranno anche questi fattori, ha spiegato sul suo sito web .

Lo specialista ha aggiunto che bisogna fare attenzione alla posizione degli specchi, devono essere posizionati strategicamente in modo che la forma dell’immagine che riflettono contribuisca all’armonia e a una vista bella e piacevole.

Dove non posizionare gli specchi secondo il Feng Shui?

Ingresso della casa

All’ingresso della casa svolgono un ruolo di illuminazione. Tuttavia, non dovrebbero mai affrontare la porta in un modo che rifletta l’ingresso. Dovrebbero andare sulle pareti laterali. “Mai sul pavimento o sul soffitto”, consiglia anche un articolo sulla rivista Sinergia .

Pesce per diabetici: cosa consigliano gli esperti?


Fuori dall’ufficio o dall’ufficio

Gli specchi non dovrebbero riflettere vecchi diari, conti passivi o fatture, quindi non è consigliabile averli in ufficio, questi sono alcuni degli esempi di cose che non dovrebbero essere duplicate.


Nelle stanze

Devono essere anche fuori dalle stanze . Secondo gli specialisti del Feng Shui, non è consigliabile averne uno all’interno della camera da letto, perché portano interferenze da parte di terzi nelle relazioni coniugali. Se per te è fondamentale vederti mentre ti prepari, il posto migliore è davanti alla porta dell’armadio.


Nel bagno

È impossibile non avere uno specchio in bagno, ma si consiglia di non trovarlo davanti alla porta e di tenerlo sempre chiuso per evitare che l’energia fuoriesca.


Specchi rotti

Dimentica gli specchi rotti in casa. Sono considerati di cattivo auspicio, oltre ad essere in cattive condizioni si perde la capacità di avere una riflessione fedele e piacevole.